CONTATTACI SUBITO:

02 467121 (Milano) | executiv@executivenetwork.it
06 852371 (Roma) | execrom@executivenetwork.it

DAZN unisce le forze con Mediaset nell’ultima offerta sui diritti della Copa del Rey

Ultimamente il servizio di streaming sportivo OTT DAZN ha aderito all’offerta di Mediaset per il ciclo di tre stagioni per la competizione a eliminazione diretta spagnola, la Copa del Rey.

È stato affermato che la joint venture DAZN / Mediaset si scontra con un’altra alleanza formata da Telco Movistar di proprietà di Telefónica e dall’emittente TVE di servizio pubblico. La Federazione calcistica spagnola (RFEF) ha recentemente avviato una terza tornata di offerte per i diritti nazionali nel ciclo 2019-20/2021-22.

DAZN è stato lanciato in Spagna all’inizio di quest’anno e fonti hanno riferito a SportBusiness che la Copa del Rey è vista come un’opportunità ideale per la piattaforma per entrare nelle proprietà calcistiche in Spagna.

Luis Rubiales, il presidente di RFEF, ha affermato che le tasse sui diritti generate dal processo supereranno quelle precedentemente accumulate per il torneo de LaLiga, che governa le prime due leghe del calcio professionistico spagnolo. In precedenza, RFEF ha commercializzato solo i diritti della finale, in quanto LaLiga ha venduto la maggior parte della concorrenza. Il ciclo 2019-22 segna la prima volta che RFEF ha venduto i diritti come un intero pacchetto. Rubiales è stato citato dall’agenzia di stampa Europa Press affermando che stima che LaLiga abbia portato tra i 20 milioni di euro (22,2 milioni di dollari) e 30 milioni di euro a stagione per i diritti della Copa del Rey.

L’agenzia e il gruppo di produzione spagnoli Mediapro si sono ritirati dalla corsa per i diritti il ​​mese scorso, criticando la RFEF per non essere riusciti a “concedere questi diritti alla migliore offerta presentata nel processo precedente”. Mediapro ha dichiarato di aver offerto una media di € 13,5 milioni a stagione per i diritti, o un totale di € 40,5 milioni. Questa ha detenuto i diritti nel ciclo 2016-19 per il resto della competizione, acquisita dall’allora titolare dei diritti LaLiga. Mediapro era stato inizialmente escluso dalla procedura di gara dell’anno scorso per la finale della Copa del Rey prima che un giudice lo dichiarasse illegale.

In precedenza, RFEF ha commercializzato i diritti solo per la finale della Copa del Rey, che ha venduto a TVE in accordi separati nelle ultime due stagioni. I diritti finali del 2017 sono stati venduti a Mediaset attraverso un accordo più ampio che ha incorporato i diritti delle amichevoli della Supercopa e della nazionale spagnola.

L’inventario della Copa del Rey conferirebbe all’offerente di successo i diritti in diretta esclusivi fino a 117 partite durante i sei turni di qualificazione della competizione principale e la finale, con l’offerente di successo che dovrà trasmettere almeno 65 partite per stagione. Le semifinali e la finale devono essere trasmesse in chiaro e in qualità HD.

La RFEF ha dichiarato che sarà responsabile della produzione di tutte le partite, sebbene l’offerente di successo sosterrà i costi, che dovrebbero variare da € 12.000 a € 170.000.

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email