CONTATTACI SUBITO:

02 467121 (Milano) | executiv@executivenetwork.it
06 852371 (Roma) | execrom@executivenetwork.it

Gli stadi di tutto il mondo si stanno convertendo in ospedali per combattere l’epidemia di coronavirus

Circa 10 giorni fa, Danny Zausner, direttore operativo dell’USTA Billie Jean King National Tennis Center di New York City – sede degli U.S.Open – ha ricevuto una chiamata che sarebbe stata considerata inconcepibile non molto tempo fa. Funzionari del governo locale volevano sapere se il complesso di tennis di 42 acri potesse ospitare un ospedale improvvisato per pazienti COVID-19. Il punto è che questo non è in realtà l’ideale per lo scopo. Ospita solo un campo all’aperto e lo spazio sotto gli spalti è relativamente limitato. Zausner ha offerto però un’alternativa: la struttura di allenamento al coperto del centro, che durante l’Open ospita eventi, esperienze interattive per i fan e immagazzina merce. Dopo alcune visite al sito, l’accordo è stato concluso. “Costruiranno un ospedale”, dice Zausner, “partendo da zero”.

La costruzione della struttura a 350 letti inizia questa settimana. “Questo posto sarà un luogo salvavita”, ha dichiarato il sindaco di New York Bill de Blasio durante una conferenza stampa di martedì.

Durante la pandemia COVID-19, il mondo dello sport ha predisposto innumerevoli atti di solidarietà. Per citarne solo alcuni: il 27 marzo, il quarterback dei New Orleans Saints Drew Brees e sua moglie, Brittany, hanno annunciato che avrebbero donato $ 5 milioni a enti di beneficenza che danno da mangiare alle persone bisognose in Louisiana, dove il numero di casi è aumentato del 30% in poco tempo. Gli Arizona Diamondbacks hanno dato oltre 1 milione di dollari per forniture come cibo e dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari. La stella del tennis Rafael Nadal e il veterinario della NBA Pau Gasol hanno iniziato a raccogliere fondi per almeno $ 12 milioni per la Spagna, il loro paese d’origine, che è stato devastato dallo scoppio dell’epidemia

Ora, gli sport si stanno avvicinando alle prime linee dell’epidemia, poiché molte strutture sportive in tutto il mondo vengono convertite in ospedali temporanei. Durante le catastrofi passate, gli organizzatori di emergenza si sono rivolti a strutture sportive per soccorsi: il Superdome di New Orleans, ad esempio, è diventato un rifugio dopo l’uragano Katrina nel 2005. E in seguito a un terremoto di magnitudo 6,4 che ha colpito Puerto Rico a gennaio, i soccorritori hanno distribuito i pasti su campi da baseball e impianti di atletica leggera. Il nuovo focolaio di coronavirus, tuttavia, non è un disastro contenuto in un’area. In tutto il mondo, i funzionari sono stati costretti a cercare spazi aggiuntivi per alleviare lo stress dei sistemi ospedalieri esistenti. Le strutture sportive hanno aperto le porte ai pazienti come mai prima d’ora.

Wuhan ha trasformato uno dei suoi grandi complessi sportivi in ​​un ospedale quando l’epidemia è peggiorata, e altri hanno fatto lo stesso. Secondo la Philippine Sports Commission, due complessi sportivi nazionali – uno a Manila e uno a Pasig City – saranno trasformati in ospedali. Lo stadio più famoso del Brasile, il Maracanã a Rio, è destinato a diventare un ospedale da campo; in uno stadio di San Paolo è stata inoltre istituita una struttura temporanea. Il ministro della sanità del Galles ha approvato i finanziamenti per la costruzione di una struttura da 2.000 posti letto nello stadio nazionale, lo stadio del Principato, che ha un tetto a scomparsa. Lo stadio del Real Madrid, Santiago Bernabéu, ospiterà materiale medico.

“C’è un enorme vantaggio in termini di praticità nell’uso di queste strutture”, afferma Lee Kaplan, direttore dello Sports Medicine Institute dell’Università di Miami Health System che, come medico di squadra per i Miami Marlins e l’Università di Miami Hurricanes, spende un sacco di tempo in luoghi sportivi. “Forniscono alloggio, elettricità, aria condizionata – tutto ciò di cui abbiamo bisogno.”

Infine, Zausner ha ricordato al sindaco de Blasio che gli Stati Uniti Open inizieranno il 31 agosto, tra soli quattro mesi. L’ospedale temporaneo, tuttavia, rimarrà per tutto il tempo necessario. “Non sappiamo se siamo all’inizio o nel mezzo”, afferma Zausner. “Non siamo certamente alla fine. Ogni letto – su un campo da tennis, un campo da calcio, ovunque sulla terra – conta.”

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email