CONTATTACI SUBITO:
02 467121 (Milano) | 06 852371 (Roma) info@executivenetwork.it

Il piano di gioco dell’imprenditore: 5 lezioni da una start-up sportiva

In tutto il mondo più di 150 squadre di una vasta gamma di sport hanno in comune molto più che appariscenti trofei. Tutti possono attribuire parte del loro successo a un’umile “scatola nera” che monitora i carichi di allenamento degli atleti e analizza le prestazioni sul campo.

Questa “scatola”, non più grande di un mazzo di carte, ha rivoluzionato in pochi anni il modo in cui gli allenatori, gli atleti, le emittenti e i fan si affacciano allo sport. Utilizzando il potere del posizionamento globale, gli atleti possono ora essere monitorati durante l’allenamento e le partite per fornire agli allenatori dati preziosi che possono essere utilizzati per mantenere i giocatori sul campo e migliorare le tattiche e il processo decisionale in gara.

Questa applicazione dalla tecnologia GPS è stata ideata dalla start-up GPSports del CEO Adrian Faccioni, la prima azienda al mondo a vendere dispositivi GPS a squadre sportive e atleti professionisti.

Dopo 15 anni di lavoro, attualmente Adrian si sta dedicando a nuovi ed eccitanti prodotti con la sua nuova società AxSys Performance, con lo scopo di rivoluzionare i mercati di personal training e sport d’élite. Tuttavia, non saranno solo le prestazioni di AxSys a trarre dei vantaggi. Come un vero allenatore ed insegnante, Adrian è più che felice di condividere le sue più grandi scoperte imprenditoriali in modo che anche altri possano imparare dal suo percorso e avere successo nelle proprie imprese. Ecco alcune lezioni da cui potresti trarre vantaggio:

  • Non avere fretta di arrivare al mercato

Oggi i dispositivi di localizzazione GPS sono considerati una necessità per i team di professionisti. Tuttavia, nei primi anni 2000, questo era ben lungi dall’essere necessario. Mentre Adrian era ben noto nella comunità sportiva australiana come esperto di “velocità e potenza”, convincere gli allenatori che una piccola scatola nera potesse aiutare le prestazioni sul campo era una vera sfida.

“Il problema era che nessuno aveva mai sentito parlare del GPS prima, quindi lo abbiamo sviluppato; diverse volte sono andato nei club e ho convinto l’allenatore, sentendo spesso questa frase:”Non so perché lo vogliamo, non capisco, ma lo vogliamo”. Essere il primo a commercializzare è stato un errore. Al tempo pensai che fosse fondamentale arrivare per primi, ma questo è probabilmente vero solo se si entra in un mercato pronto ad acquistare, conscio dell’utilità di questo oggetto”, ha spiegato Adrian con evidente rimpianto. “Ciò che invece abbiamo fatto è stato sviluppare il mercato di riferimento, aprendo la strada ai competitors. Probabilmente alla fine saremo noi a non avere profitti proprio perché siamo stati i primi in un periodo sbagliato”. Il consiglio di Adrian agli aspiranti imprenditori è abbastanza semplice, specialmente per quelli con un prodotto tecnologico o altamente innovativo: non puntare ad essere il primo sul mercato.

  • Comprendi le esigenze e i requisiti dei tuoi clienti

Un mercato non istruito non è stato l’unico aspetto negativo. Essere all’avanguardia nello sviluppo del prodotto è stato un duro ostacolo da sormontare per GPSports.

“Una volta lanciato il prodotto i clienti hanno avanzato una serie di richieste: “Non vogliamo un display LCD. Non vogliamo 5 pulsanti, ne vogliamo uno. Vogliamo solo accenderlo e spegnerlo” e via dicendo. Quindi abbiamo perso 18 mesi di tempo di sviluppo in cui avremmo potuto ottenere un prodotto molto prima”. Di conseguenza, integrare il feedback dei clienti nello sviluppo del prodotto è essenziale per tutte le nuove attività e prodotti. “Assicurati di essere assolutamente certo che questo è ciò che il cliente vuole e non fare più di ciò di cui il cliente ha bisogno.”

Questo concetto, meglio noto come “startup lean“, è ora considerato la migliore pratica per lo sviluppo di nuove attività e prodotti. “Si tratta solo di fare piccoli passi insieme ai clienti e ai potenziali mercati, piuttosto che andare avanti e spendere molto tempo e denaro solo per far dire al cliente “non ne ho bisogno”.”

Imparando dalla sua esperienza con GPSports, Adrian non solo ora pratica il modello di startup lean con le sue nuove imprese, ma lo consiglia a coloro che sviluppano i propri prodotti. “Inizialmente meno è di più, basta portarlo là fuori. Basta ottenere qualcosa che si risolva sul mercato e che ti dia un feedback massiccio. “

  • Non aver paura di fare domande

Mentre Adrian era ampiamente conosciuto come esperto nei suoi settori professionali e accademici, sapeva ben poco sul prodotto che stava sviluppando, non immaginando che avrebbe rapidamente rivoluzionato lo sport professionistico in tutto il mondo. “Non sapevo nemmeno cosa fosse un GPS, non ne avevo mai sentito parlare prima! Con il senno di poi è stato un errore perché abbiamo richiesto e ottenuto un brevetto piuttosto limitato su GPS, frequenza cardiaca e sport, ma nulla sugli accelerometri. Non sapevo nemmeno cosa fosse un accelerometro! Per questo motivo siamo stati citati in giudizio da un concorrente (che cercava di buttarci fuori dal mercato) perché avevano richiesto il brevetto dopo il nostro ma includendo un accelerometro “.

Con il senno di poi, Adrian riconosce che questo semplice errore ha perseguitato l’attività non solo attraverso le vendite, ma anche per l’eventuale prezzo di vendita dell’azienda. Ora, invece, consulta specialisti competenti, ma soprattutto ha realizzato che, soprattutto nello sviluppo della tecnologia, non è mai possibile averne il pieno controllo.

  • Cerca investimenti e partnership per aiutare la crescita

“Se puoi, devi collaborare con qualcuno. Abbiamo provato a fare tutto da soli, enorme errore.” Questo non vuol dire che GPSports non avesse investitori, o non cercasse di trovare partnership strategiche con altre aziende. Adrian riconosce che semplicemente non hanno trovato persone e aziende con la giusta “misura”.

Viaggiando negli Stati Uniti e in Germania, Adrian ha incontrato i giganti mondiali dell’abbigliamento sportivo e delle calzature come Nike e Adidas per vedere se la sua tecnologia GPS potesse essere integrata nella loro suite di prodotti. All’epoca non sapeva che entrambe le società stavano sviluppando i propri dispositivi di localizzazione sia per il mercato personale che per quello di squadra. “Probabilmente erano i partner sbagliati considerando che erano dei grossi colossi dell’industria sportiva. Probabilmente avremmo dovuto andare da giocatori e squadre di secondo livello”.

Mentre GPSports potrebbe non aver trovato una partnership per vendere i suoi prodotti, Adrian è fermamente convinto che tutti i prodotti AxSys Performance saranno implementati solo attraverso partnership strategiche che forniranno consapevolezza del marchio e un’importante base di clienti. Raccomanda vivamente che tutti gli aspiranti imprenditori seguano lo stesso percorso. “Ci sono così tante start-up che vengono semplicemente abbandonate perché provano a farlo da sole. Andava bene 50 anni fa, ma le cose stanno cambiando così in fretta, se lo fai sei morto. “

In conclusione

Mentre GPSports ha impiegato tre anni per portare il suo primo prodotto dall’ideazione al mercato, utilizzando un modello di avvio snello AxSys ‘lancerà le sue prime iterazioni’ molto più velocemente. Con così tante lezioni apprese dalla sua prima avventura, è difficile immaginare che AxSys Performance non cambierà il volto dello sport e dell’esercizio.

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email