CONTATTACI SUBITO:

02 467121 (Milano) | executiv@executivenetwork.it
06 852371 (Roma) | execrom@executivenetwork.it

Le letture per combattere la pandemia, grazie a Bill Gates

L’estate è alle porte, anche se quest’anno sarà un po’ diversa dalle scorse. Non mancheranno i momenti di svago e relax e soprattutto quelli per leggere un buon libro. Come ogni estate il magnate di Microsoft consiglia alcuni libri, alcuni per distrarsi ma tanti altri per superare questa crisi e ripartire e 1000 da settembre.

“La scelta di Edith”, di Edith Eva Edgar

La dott.ssa Eger è stata portata ad Auschwitz con la famiglia all’età di 16 anni. Il suo libro racconta la sua lotta contro la sindrome del sopravvissuto, di come ha imparato a perdonare se stessa, in seguito all’uccisione dei genitori durante la guerra. Bill Gates lo definisce “in parte un libro di memorie, in parte un manuale per elaborare un trauma”.

“L’atlante delle nuvole” (Cloud Atlas) di David Mitchell

Il libro inizia nel 1850 nelle Isole Chatham in Nuova Zelanda, salta al Belgio del 1931, per passare poi bruscamente alla West Coast degli anni Settanta, il tutto prima di tornare dove aveva iniziato. La storia preferita di Gates all’interno del libro riguarda un giovane dottore nel Sud Pacifico a metà dell’Ottocento. Gates l’ha definito “il genere di romanzo a cui penserai e di cui parlerai per un sacco di tempo dopo averlo finito”.

“La corsa della vita” di Robert Iger

Le memorie di Iger forniscono una prospettiva dall’interno della sua esperienza come AD della Walt Disney Company dal 2005 al 2020. Iger condivide i suoi quattro principi di guida, “ottimismo, coraggio, risolutezza e correttezza“, e la sua strategia per trasformare Disney nella maggiore media company del mondo. Propone anche aneddoti sulla sua amicizia con Steve Jobs e la sua ossessione per Star Wars. Secondo Gates, è “tra i migliori libri di impresa che ho letto da anni”.

“The Great Influenza” di John M. Barry

L’attuale pandemia presenta similitudini impressionati con l’influenza del 1918 , ovvero l’oggetto del saggio del 2004 di John Barry. “Se state cercando un paragone storico, la pandemia influenzale del 1918 è quanto di più simile troverete”, scrive Gates sul suo blog. “‘The Great Influenza’ ci ricorda che affrontiamo ancora molte delle stesse sfide”. Il libro di Barry offre anche lezioni su come reagire alle epidemie virali. “Chi è al comando deve conservare la fiducia dei cittadini”, scrive. “E a questo scopo non deve distorcere niente, non deve dissimulare e né cercare di manipolare qualcuno”.

“Good Economies for Hard Times” di Abhijit Banerjee ed Esther Duflo

Gates definisce Banerjee e Duflo “due degli economisti più intelligenti in attività”. Hanno ottenuto il premio Nobel per l’economia nel 2019. Il loro libro propone soluzioni a interrogativi economici pressanti, ad esempio se il commercio internazionale funziona per tutti o se gli immigranti provenienti dalle nazioni povere sottraggono il lavoro ai lavoratori indigeni a basso reddito.

“The Headspace Guide to Meditation and Mindfulness” di Andy Puddicombe

Puddicombe è il monaco buddista che ha cofondato Headspace, una popolare app di meditazione con pratiche guidate, animazioni, articoli e video. Gates definisce Puddicombe coma “la persona che mi ha trasformato da scettico in credente”, tanto da chiedergli di trascorrere una giornata e mezzo accompagnando la sua famiglia attraverso esercizi di meditazione. “Non so quanto la meditazione mi avrebbe aiutato all’inizio della mia avventura con Microsoft”, scrive Gates . “Ma ora che sono sposato, ho tre figli e un insieme di interessi professionali e personali più ampio, rappresenta un ottimo strumento per migliorare la mia concentrazione”. Attualmente Bill Gates medita fino a tre volte a settimaan

“L’arte di ricordare tutto” di Joshua Foer

Foer ha vinto lo US Memory Championship, un torneo in cui i partecipanti devono memorizzare numeri, nomi, facce e altro. Il suo libro descrive la sua esperienza di lavoro con “atleti mentali”, che lo hanno aiutato ad allenare la sua mente a ricordare velocemente le informazioni. “Se vuoi lavorare su una nuova abilità, c’è di peggio che non imparare a memorizzare cose”, scrive Gates sul suo blog.

“Sopravvissuto” di Andy Weir

Questo romanzo di fantascienza del 2011 è stato adattato per un film nel 2015. Gates vede un collegamento tra il film e l’attuale pandemia. “Matt Damon, che interpreta un botanico bloccato su Marte, mette da parte le proprie paure e dice, ‘Userò tutte le mie conoscenze per portare il culo via di qui’”, scrive Gates. “Stiamo facendo la stessa cosa con il nuovo coronavirus”.

“Un gentiluomo a Mosca” di Amor Towles

“Un gentiluomo a Mosca” è finzione, ma si ispira molto a eventi storici. Racconta le vicende di un conte russo condannato agli arresti domiciliari nel Metropol Hotel di Mosca in seguito alla rivoluzione russa. Il libro è stato pubblicato nel 2016, ma Gates ha iniziato a leggerlo l’anno scorso, dopo che suo cognato gliene ha inviato una copia.Il magnate microsoft dice che lui e sua moglie, Melinda, lo hanno letto attentamente in contemporanea. Ha aggiunto di essersi commosso per una parte mentre era avanti di qualche capitolo rispetto a Melinda, rivelandole che stava per succedere qualcosa di brutto.

La trilogia di Rosie di Graeme Simsion

Gates è un fan di vecchia data dell’opera di Simsion. La trilogia segue la vita di Don Tillman, professore di genetica affetto da sindrome di Asperger. Gates ha spedito il primo libro, “L’amore è un difetto meraviglioso”, a circa 50 amici. Il secondo libro, “L’amore è un progetto pericoloso”, ha dato al miliardario una lezione sulle relazioni. Gates ha raccomandato il terzo e ultimo libro, “L’amore è un enigma straordinario”, l’anno scorso. “Dentro di te, pensi alle relazioni che mantieni”, dice Gates in una conversazione con Simsion , documentata su Gates Notes. “Ti metti a ridere, ma anche a pensare, Ehi, ad alcune persone riesce bene naturalmente. E alcune persone ci riescono perché si impegnano‘”.

“Il nostro meglio” di Thi Bui

Gates di solito non legge fumetti o graphic novel, ma è un fan delle memorie illustrate di Bui, che raccontano la fuga della sua famiglia dal Vietnam in guerra degli anni ‘70. “Si tratta di un libro profondamente personale che esplora il significato di essere genitori e profughi”, scrive Gates. Le immagini, aggiunge, sono “suggestive”.

“Un’iperbole e mezza” di Allie Brosh

Lo divorerete in tre ore al massimo”, scrive Gates del libro. “Ma vorrete che fosse più lungo, perché è dannatamente divertente e intelligente. credo di aver letto ad alta voce a Melinda una dozzina di passaggi esilaranti”. Il romanzo è una via di mezzo tra fumetto e testi scritti in stile da blog che attingono dalla vita dell’autrice nell’Idaho rurale e alle sue battaglie di adulta. In tutto il libro, Brosh è raffigurata come una figura stilizzata con un vestito viola. “Ci sono volute alcune ore per farli bene”, l’autrice ha detto al sito Mother Jones dei suoi schizzi. “Non ho alcun materiale di riferimento per questa creatura che ho realizzato per rappresentarmi, a parte ciò che è dentro la mia testa”.

“Cosa accadrebbe se? Risposte scientifiche a domande ipotetiche assurde” di Randall Munroe

Monroe, un ex ingegnere della NASA, usa delle figure stilizzate per discutere di grandi temi come scienza, tecnologia e linguaggio. Il suo libro “Cosa accadrebbe se? Risposte scientifiche a domande ipotetiche assurde” risponde, appunto a domande assurde come, ad esempio, quanto sopravvivrebbe l’umanità durante una apocalisse dei robot e altre vagamente realistiche, come la velocità a cui è ragionevolmente possibile guidare per passare sopra un dosso rallentatore e continuare a vivere.

Buona lettura da Bill Gates e da noi!

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email